Comune Italia / Nazionalita » Il certificato di cittadinanza italiana: cos’è e come richiederlo

La cittadinanza italiana indica il rapporto tra un individuo e lo Stato italiano. Avere lo status di cittadino dà accesso a una serie di diritti e di facoltà, come previsto sia dalla nostra Costituzione che dalle tante leggi che costituiscono il nostro ordinamento giuridico. Per questo è frequente la necessità di esibire il proprio certificato di cittadinanza, ad esempio quando si accede a un concorso pubblico: come fare quindi per ottenerlo? Vediamolo insieme.



La cittadinanza italiana

Ogni ordinamento decide di disciplinare in maniera specifica i modi attraverso cui si ottiene la cittadinanza, in base alla storia e alla sensibilità nazionale. In Italia si è cittadini italiani:

  • • iure sanguinis;

  • • iure solis, a condizioni specificamente espresse dalla legge;

  • • a seguito di naturalizzazione;a seguito di matrimonio.

  • • a seguito di matrimonio.

Da ricordare inoltre che il cittadino italiano per nascita o per successiva dichiarazione acquisisce anche automaticamente la cittadinanza europea.

Il certificato di cittadinanza italiana può essere richiesto o da chi richiede contestualmente il riconoscimento della cittadinanza o da chi ha solamente bisogno del certificato che attesti la cittadinanza di cui è già in possesso. Si tratta di procedure diverse, che hanno tempi e complessità differenti.


La richiesta del certificato contestuale alla richiesta di cittadinanza

Per inoltrare la richiesta di cittadinanza occorrono una serie di documenti che vanno predisposti in formato digitale, dato che la domanda è inoltrabile solo online attraverso il portale dei servizi del Ministero del governo. I documenti da inviare sono:

  • • un documento di riconoscimento;

  • • l’atto di nascita e il certificato penale rilasciato dal Paese di origine;

  • • la certificazione che attesti un livello di conoscenza della lingua italiana non inferiore al B1 (per coloro che desiderano acquisire la cittadinanza italiana mediante matrimonio o residenza);

  • • la ricevuta del pagamento di 250,00 euro e gli estremi della marca da bollo.

La domanda viene poi inoltrata direttamente alla prefettura competente se il richiedente risiede in Italia o all’ambasciata, se il richiedente risiede all’estero. I tempi per l’ottenimento dell’esito possono arrivare a 2 anni.


Richiedere il tuo certificato di cittadinanza

La richiesta del solo certificato di cittadinanza

Se invece l'interessato richiede il solo certificato di cittadinanza, questo può essere ottenuto in due modi:

  • Tramite VISURE ITALIA: il servizio fornisce anche certificati con apostille e legalizzazione, oltre a traduzioni ufficiali in 26 lingue diverse. Il cliente riceve il atto in formato PDF tramite email, ma può anche richiedere la spedizione in qualsiasi parte del mondo.
  • • Recandosi personalmente presso l’Ufficio anagrafe;

  • • Richiedendo il certificato online:

  • • o sul sito del comune di residenza laddove il servizio online sia attivo;

  • • accedendo al sito del Ministero dell’Interno (questa possibilità è stata introdotta da poco).

I documenti che devono essere portati con sé presso gli uffici dell’anagrafe o che vanno inviati online al sito del comune o del Ministero dell'interno sono:

  • • un documento d’identità;

  • • nel caso di richiesta presso l’anagrafe, anche l’apposito modulo già compilato. Per poter accedere al servizio del comune o del Ministero è necessario però essere in possesso dell’identità digitale (SPID/CIE o CNS). Se l’interessato non è ancora in possesso, deve prima ottenere l’attivazione dell’account;


Costo e validitá

Il costo della procedura dipende dalla modalità prescelta:

  • • Nel caso di domanda inoltrata presso il proprio comune di residenza, sia personalmente che online, il costo è di 16 euro che viene pagato attraverso l’imposta di bollo.

  • • Se invece il certificato viene rilasciato dal sito del Ministero, la procedura è gratuita ma solo fino al 31.12.2022. Successivamente, il costo sarà anche in questo caso di 16 euro.

Sono previste delle esenzioni per il pagamento dell’imposta di bolla, laddove il certificato richiesto per finalità specifiche come quella processuale, nel caso di adozione, affidamento, tutela e affiliazione, per i procedimenti di interdizione, per la modifica, l’esecuzione o l’estinzione di finanziamenti già concessi e la notifica di atti giudiziari.

La durata di validità del certificato di cittadinanza (non quindi della cittadinanza stessa) è di 6 mesi che decorrono dalla data del rilascio. Oltre alla dichiarazione sul possesso di cittadinanza, il documento contiene le informazioni generali dell’interessato, quindi nome e cognome, luogo e data di nascita e indirizzo di residenza.

Il certificato di cittadinanza può essere richiesto anche a favore di componenti la propria famiglia laddove siano minori o incapaci.

Infine, va anche menzionata la possibilità di produrre un’autocertificazione di cittadinanza (la cd “dichiarazione sostitutiva di certificazione”). Va precisato però che l’efficacia di tale dichiarazione è molto più limitata rispetto al documento rilasciato dalla pubblica amministrazione.


Ottenere un certificato di cittadinanza